Agopuntura per curare la rinite allergica stagionale

di Fabiana Commenta

L’antica medicina cinese sarebbe efficace nella cura contro la SAR

La rinite allergica stagionale colpisce circa 4 milioni di italiani e torna in concomitanza dell’arrivo del primo polline: certo il freddo ancora incombe, ma l’arrivo della primavera non è lontano.

Starnuti, naso che cola, occhi arrossati con lacrimazione, difficoltà respiratorie: sembrano i sintomi di un comune raffreddore, ma indicano invece in questo caso la presenza di rinite allergica stagionale.

E oltre ai classici rimedi (assunzione di antistaminici) un nuovo studio pubblicato sulla rivista Annals of Internal Medicine, mette in luce i benefici dell’agopuntura sulla rinite allergica stagionale detta anche SAR.

Lo studio coordinato dal dottor Benno Brinkhaus del Charite-University Medical Center di Berlino, hamonitorato un gruppo di 442 volontari affetti da allergie stagionali. I volontari sono stati divisi in tre gruppi diversi: il primo è stato trattato con l’agopuntura, il secondo con un finto trattamento di agopuntura che andava a stimolare punti del corpo diversi rispetto a quelli previsti, il terzo è stato sottoposto al classico trattamento farmacologico con gli antistaminici, la soluzione attualmente più diffusa.

 

Dopo il trattamento con agopuntura, dorato otto settimane, i volontari hanno riferito un miglioramento dei sintomi dell’allergia nel 71% dei casi. Un buon risultato che lascia ben sperare sulla reale efficacia dell’agopuntura anche se in realtà anche i pazienti sottoposti all’agopuntura simulata hanno riscontrato dei miglioramenti. Lo studio in pratica ha dimostrato che il trattamento con l’agopuntura fa riscontrare gli stessi benefici e lo stesso grado di miglioramento del classico trattamento farmacologico. 

 

SINTOMI ALLERGIE

Obiettivo dello studio era però individuare una cura alternativa altrettanto efficace come la cura farmacologica. Non è detto infatti che gli antistaminici abbiano gli stessi effetti (positivi) su tutti i pazienti e tra l’altro non sono esenti da effetti collaterali presentando ad esempio un, seppur blando, effetto sedativo.

Insomma, se nonostante i risultati, l’agopuntura sembra non essere una soluzione migliore del tradizionale trattamento farmacologico, è anche vero che può essere associata o alternata agli antistamici e che può presentarsi come la scelta più adatta per chi voglia ridurre l’assunzione di farmaci.

 

Foto Thinkstock


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>